Adriacoast
Cicloturismo - Forli' Cesena

Pedalare in provincia di Forlì e Cesena vuol dire poter scegliere, in ogni momento, il tipo di percorso più gradito: dall'ampia pianura verso le brevi e improvvise salite, fino ad arrivare ai picchi boscosi dell'Appennino.

Bisogna solo scegliere dove puntare la bici. C'è il litorale piatto e comodo, c'è la pianura, con le strade che tagliano una campagna fertile e ricca di colture; ci sono le colline, protette da antiche mura, rocche e borghi fortificati, che improvvisamente emergono dal piano e propongono salite dure ma brevi. E c'è anche la montagna vera e propria, ai confini sud della provincia, dove l'aria, e le salite, sono davvero appenniniche.

Cosa vedere

A Forlì la Rocca di Ravaldino, presidio degli Ordelaffi e a Cesena la preziosa Biblioteca Malatestiana.
Cuore di Forlì è la piazza Saffi, sulla quale si eleva l'Abbazia di San Mercuriale con il campanile romanico. Sempre in piazza, da notare il Palazzo del Podestà, di stile romanico-gotico, il Palazzo del Municipio, dove abitavano gli Ordelaffi e la Palazzina degli Albertini. Passeggiando per Forlì non si dovrebbe mancare una visita alla Rocca di Ravaldino, imponente fortificazione a pianta quadrata, costruita nel Trecento e ampliata nel 1472 per volere di Pino III Ordelaffi. Vale senz'altro una sosta anche il Palazzo dell'Ospedale Vecchio, che ospita la Pinacoteca con opere di Beato Angelico, del Guercino e una bellissima Ebe del Canova.
A guardia dell'atmosfera signorile di Cesena c'è la trecentesca Rocca Malatestiana; stupendo il panorama che si gode passeggiando sui camminamenti.
Altra ricchezza della città è la Biblioteca, voluta da Novello Malatesta a metà del ‘400 come biblioteca pubblica. È una delle più preziose estimonianze della cultura umanistica ed è intatta nella struttura, negli arredi e nel patrimonio librario. Sovrasta Cesena il Santuario della Madonna del Monte dei Monaci Benedettini, specializzati nel restauro di libri antichi.
Interessantissima la raccolta degli ex voto: le tavolette, dipinte per la maggior parte tra il XV e il XIX secolo, rappresentano una vera galleria di arte popolare.

Clicca sugli itinerari in alto per scoprire quale percorso è più adatto alle tue capacità

Di bello e di buono

In tutta la provincia si possono trovare botteghe di ferro battuto che qui ha storia antica. I laboratori di tele stampate “a ruggine” si trovano a Gambettola (che è anche un paradiso per i collezionisti di ferro vecchio), a Castrocaro, Santa Sofia, Forlì e Cesenatico.

Da Montetiffi provengono le migliori teglie di argilla per cuocere il pane più antico della Romagna: la piadina, così famosa come un altro grande della gastronomia italiana, Artusi, anche lui originario di queste parti.

I piatti forti della cucina locale sono i passatelli, gli strozzapreti, i garganelli, come Pellegrino comanda, i ravioli al formaggio di fossa di Sogliano, le fritture, le grigliate, le zuppe di pesce che fanno la parte del leone nella cucina marinara di Cesenatico, delizia del palato.

Ben si accompagnano alla cucina tradizionale i famosi vini Albana e Sangiovese.

Consulta la sezione "Dove prenotare" per trovare tutte le informazioni utili ad organizzare un viaggio sulla Costa Adriatica dell'Emilia Romagna, scegliendo agenzie e strutture ricettive della provincia di Forlì - Cesena che offrono servizi specifici per ciclisti.



Riviera Adriatica dell' Emilia Romagna - E-mail: info@adriacoast.com - Privacy Policy P.Iva 01886791209

  • Arte e Cultura

  • Benessere e Terme

  • Cicloturismo

  • Divertimento notte

  • Enogastronomia

  • Fiere e Congressi

  • Golf

  • Mare

  • Natale e Capodanno

  • Natura

  • Parchi divertimento

  • Sport e fitness

  • Turismo 3° età

  • Turismo all'aria aperta

  • Turismo Associato

  • Turismo per Famiglie

  • Turismo Religioso

  • Turismo Scolastico

  • Vela
TITANKA! Spa © 2012